Musica classica: come nasce una campagna divulgativa

Musica classica: come nasce una campagna divulgativa

La divulgazione online come opportunità per raggiungere il grande pubblico.

Quando si parla di divulgazione online si sottolinea l’opportunità di raggiungere il grande pubblico attraverso i social e il web, avvicinandolo a tematiche anche più complesse e di nicchia, come succede spesso nel mondo della musica classica.

La musica classica infatti non è popolare, non fa parte del quotidiano, la maggior parte delle persone che non sono già appassionate non la conosce oppure, peggio, non ne è incuriosita. Da qui la necessità per gli enti musicali, aziende, festival e istituzioni di utilizzare un linguaggio comprensibile e adatto alla modalità di fruizione dei social per coinvolgere e avvicinare sempre più persone attorno alla propria idea aziendale.

Realizzare un evento social a scopo divulgativo è un’azione che richiede precisione, pazienza e il contributo di figure diverse con l’obiettivo di coinvolgere più persone possibili intorno ad argomenti specifici di cui si ha competenza.

La capacità di comunicare a persone che non hanno lo stesso livello di competenze del settore è un compito complesso e delicato. Un buon divulgatore infatti deve da un lato padroneggiare la materia e dall’altro riuscire a immedesimarsi nel lettore (o ascoltatore), adattando la propria esposizione, scritta e orale, al grande pubblico al fine di sollecitare interesse e curiosità.

Andiamo adesso a vedere nel pratico com’è possibile costruire una campagna divulgativa online.

Come si possono sfruttare al meglio gli strumenti che Internet ci mette a disposizione per comunicare e per trasmettere dei messaggi alle persone? Come è possibile comunicare e organizzare un evento divulgativo online nel modo migliore? Qual è l’idea alla base della strategia?

La nostra esperienza

Iniziamo con una premessa: spesso, la divulgazione è un modo non per saziare, ma per affamare. Quando parliamo di tematiche legate alla musica classica lo facciamo con l’intento di trasformare il contenuto in trampolini da cui chi ci ascolta o ci legge possa tuffarsi in modo autonomo per poi approfondire ulteriormente.

Di seguito vi mostriamo uno dei nostri ultimi eventi online incentrati sulla musica classica, il BB-300 Social Fest, che ha riscosso grande successo.

Un festival tutto social, realizzato esattamente un anno fa, pensato per festeggiare il compleanno di Johann Sebastian Bach e i trecento anni dei Concerti Brandeburghesi. Un vero e proprio tour social tra Facebook, Instagram, Twitter, Linkedin, Spotify e Clubhouse.

I contenuti creativi sono la chiave che apre le porte alla curiosità e che spinge all’approfondimento, quindi devono essere ben realizzati, in linea con l’idea di ciò che si vuole trasmettere e gli obiettivi che si vogliono raggiungere. Nel nostro caso, le creative sono state realizzate partendo da un problema coerente con la nostra mission aziendale, quella di comunicare la musica classica in una versione tendenzialmente pop che serve a coinvolgere sempre più pubblico e sempre più giovane, a farlo appassionare, dando slancio al business e di conseguenza alla cultura e alla musica.

BB-300 Social Fest

BB-300 Social Fest: il festival social realizzato da Amusart dedicato a Bach

Il messaggio che si è voluto diffondere con questa campagna è di scuotere l’immaginario collettivo da una musica classica noiosa e interessante solo per pochi. Abbiamo così deciso di usare un tono di voce amichevole e colorato nella nostra comunicazione con contenuti creativi innovativi: pillole da mangiare, articoli da bere, podcast on the road.

Perché parlare di musica classica può essere semplice come bere e mangiare. 
Perché divulgare la musica classica non significa necessariamente essere noiosi.
Perché essere social non è un peccato.
Perché la musica classica è alla portata di tutti.

Dieci giorni di contenuti originali e interattivi pensati da Amusart per parlare di Bach in maniera fruibile e social: articoli, podcast, playlist, contest, quiz e pillole bachiane. 

Podcast on the Road

Il podcast è uno strumento di comunicazione potente che permette, con poco budget, di raggiungere un enorme quantità di persone anche quando non sono davanti a uno schermo. Per esempio quando guidano, sono in palestra, viaggiano in treno o in aereo, fanno da mangiare o si dedicano ad un hobby. Si riesce quindi, attraverso i podcast, a raggiungere un grande numero di persone in modi sempre più rapidi ed efficaci, oltre ad essere uno strumento di comunicazione digitale in forte crescita negli ultimi anni.

I podcast sono stati pensati per raccontare la vita di Bach, intrattenendo, informando, emozionando e appassionando anche i neofiti della musica classica.

In questa occasione abbiamo coinvolto esperti del settore per prendere parte all’evento online, garantendo la diffusione di contenuti di alta qualità al nostro pubblico e per posizionarci così come fonte esperta e credibile. L’iniziativa infatti è stata realizzata in collaborazione con JSBACH.it, Società Bachiana Italiana e Mauro Masiero, musicologo e storico della musica per Amusart.

Nei giorni del BB-300 Social Fest, l’uscita di ciascun episodio del podcast è stato accompagnato da quiz per interagire con i nostri ascoltatori e lettori, un modo divertente per mettersi alla prova e verificare l’apprendimento dei contenuti pubblicati.

In tutto questo la pubblicità online non poteva di certo mancare. Durante i giorni del social fest abbiamo infatti realizzato una campagna pubblicitaria per far conoscere il valore delle nostre proposte e servizi a potenziali clienti: artisti, festival, accademie, orchestre, istituzioni che vogliono fare la differenza attraverso una comunicazione attraente, innovativa e un’identità web in grado di dare slancio al business, alla cultura, alla musica, ampliando il pubblico e potenziando i risultati.

Un altro caso di social fest che abbiamo realizzato è quello dedicato alla nascita di Beethoven! 

B-250 Social Fest

Anche qui abbiamo voluto rendere virale sui social uno dei protagonisti indiscussi della musica classica, con podcast, articoli, playlist, racconti originali a cura del team Amusart.

Mettere in piedi una campagna divulgativa richiede tempo, pazienza, competenze e idee chiare su cosa si vuole comunicare e a chi. È vero che oggi la fruizione dei contenuti è spesso veloce, ma gli utenti sono anche abituati a gestire molti stimoli e a muoversi in ambienti informativi complessi. Quello che possiamo fare è fornire una bussola ed indirizzarli, ad esempio, ad un post più lungo e approfondito e valutare l’attenzione delle persone verso quel contenuto.

 

Teresa Acanfora
Content creator per Amusart

Entra a far parte di MUSICLEAD la community esclusiva di Amusart pensata per i professionisti della musica classica, consigli, dirette ed esclusive per la tua carriera.