Social e contenuti di qualità per la musica classica

Social e contenuti di qualità per la musica classica

Oggi un musicista che vuole promuovere la propria musica non può non avere un profilo sui social media. Perché in questo momento i social non sono un accessorio che si può evitare se si vuole rimanere sul mercato e farsi notare. Non solo, stanno diventando molto più di un mezzo per la sola promozione, si stanno trasformando i e, lo faranno ancora di più in futuro, in un vero strumento commerciale. Tutte le novità messe in atto da ogni social sono mirate a questo cambiamento.

Ultima notizia rilasciata da parte di Adam Mosseri, “Head of Instagram” è quella di introdurre abbonamenti e contenuti esclusivi, a pagamento, per i propri follower. Già Facebook ha introdotto da un po’ gli aventi online a pagamento. Attenzione che qui ogni volta che si parla di musica ed eventi a pagamento si pensa subito ai concerti online. Certo, anche quelli potrebbero essere un’opportunità, ma qui stiamo parlando di fidelizzare il pubblico e dare loro dei contenuti esclusivi e di qualità. Approfondiremo questo argomento molto presto. 

È essenziale dunque esserci ed esserci bene.

E a proposito di questo vogliamo dare attenzione qui a un tema che ci sta molto a cuore:
la qualità. La qualità dei contenuti.

In un mondo, quello dei social, saturo di contenuti, a volte discutibili, ci piacerebbe che i musicisti insieme alla loro musica dessero il loro contributo di qualità per renderli un posto migliore. Crediamo che la musica classica possa avere questo potere.
Pensiamo che la comunicazione della musica classica possa attuare un cambiamento per essere divulgata il più possibile, raggiungendo un pubblico sempre più vasto e diverso.

Ma facciamo un passo indietro e vediamo alcune semplici regole per gestire al meglio i vostri social media rispetto ai contenuti da pubblicare, contenuti di qualità.

Una buona qualità di contenuti che abbia anche una sua efficacia deve seguire alcune regole:

Sette regole da tenere presenti per la scelta dei contenuti di qualità nella musica classica, un valore da divulgare con il linguaggio giusto

1. Professionalità
Avere degli account social professionali è sicuramente la prima cosa.
Questo significa non solo avere un account business (una pagina invece che un profilo privato per Facebook per esempio) ma renderlo anche professionale in tutti i suoi aspetti. Una presentazione chiara, le foto ufficiali con i crediti, i contatti, il sito internet, un profilo sempre aggiornato, dei post che facciano capire in pochi secondi chi siete, le foto dell’ultimo concerto, un post con una foto d’archivio e un bel testo. La cura del profilo sarà lo specchio di voi se stessi, come professionisti della musica classica.

2. Originalità.
In questo spazio professionale avrete inoltre modo di presentare voi stessi e la vostra musica secondo la vostra personalità e le vostre peculiarità.
Se ci pensate questo spazio vi mette a disposizione una grande possibilità, quella di creare sempre qualcosa di originale che possa coinvolgere i vostri utenti, i quali vi seguiranno e vi sceglieranno proprio per questo. Non solo, vi permetterà di “narrare” la vostra musica, di raccontarla, e cosa c’è di più bello di questo? Cercate sempre di essere originali. Meglio pubblicare meno ma in maniera più efficace sfruttando al massimo l’unicità del contenuto.

3. Diversità
Non dimentichiamo che ogni social ha le sue regole, i suoi algoritmi, le sue modalità, il suo pubblico e il suo linguaggio. Dobbiamo tenere a mente tutti questi fattori quando si crea per un social piuttosto che per un altro.

Non possiamo pubblicare lo stesso identico contenuto su tutti i social. Può succedere, soprattutto se si sceglie a monte una foto, un video, una grafica da declinare su tutti, ma la modalità di pubblicazione, il testo, il tono di voce, dovranno essere diversi. Sarebbe meglio creare per ogni social un contenuto diverso. Facciamo degli esempi: un video di 5 minuti che potrebbe andare bene su Facebook non è adatto per altri social come IG o TikTok che prediligono invece video brevi; una foto con una determinata misura non andrà bene per tutti i social; i link non si possono mettere sempre nel testo, così come gli hashtag non sono uguali ed efficaci allo stesso modo per tutti.

Entra a far parte di MUSICLEAD la community esclusiva di Amusart pensata per i professionisti della musica classica, consigli, dirette ed esclusive per la tua carriera.

4. Strategia
Una volta diversificati i contenuti, tutto deve essere ben centrato, avendo sempre presente l’obiettivo che si vuole raggiungere e a chi si vuole arrivare. Diversificare significa anche fare una strategia diversa per ogni piattaforma seguendo un piano comune. Per questo ci viene in aiuto il calendario editoriale dove appunteremo gli obiettivi, le date e i contenuti per ogni social. Facciamo solo un esempio: se vogliamo promuovere un concerto su Facebook posso mettere la locandina del concerto, creare un evento, mettere una foto ufficiale del concerto. Su Instagram metterò una foto durante le prove, nelle storie farò vedere gli attimi prima dell’evento, su LinkedIn parlerò invece del traguardo professionale che rappresenta questo evento, e così via.
Ovviamente questo è solo un esempio, ogni caso è unico e prevede una strategia mirata e personalizzata

5. Cura
La cura del contenuto è essenziale. Abbiamo parlato molte volte di questo aspetto. Ci teniamo perché pensiamo che la musica classica e i musicisti meritino di essere comunicati con cura estrema, dei particolari, di tutto. Come professionisti questa cura si vedrà nella scelta di tutto quello che concerne la vostra immagine e il modo di comunicarla. Una volta fatto tutto il lavoro sull’immagine questa andrà declinata sui social in maniera coerente per rendervi sempre professionali, unici e riconoscibili.

6. Nicchia
Crearsi il proprio pubblico è uno degli step fondamentali da fare nel corso della gestione dei propri profili social. Non è una questione semplice, lo sappiamo bene e prevede anche un lungo lavoro a monte sull’immagine. Spesso si fa l’errore di pensare al numero di fan più che a “chi sono i miei follower”? Proprio tornando all’ultima novità introdotta da Instagram, quanto sarà importante individuare la vostra nicchia, prendersi cura del proprio pubblico, ben selezionato e interessato, e dargli contenuti esclusivi e di qualità?

7. Aggiornamento
Aggiornare e aggiornarsi sempre. Sappiamo bene che quando parliamo di social media tutto cambia ad una velocità pazzesca. Cambiano le regole, vengono introdotte sempre più novità. Essere sempre aggiornati è la chiave per fare dei contenuti efficaci. Seguite gli account ufficiali delle varie applicazioni, seguite profili che vi tengano sempre aggiornati, guardatevi intorno, seguite il flow, i trend del momento, le novità, dando sempre quel tocco di originalità che vi distinguerà.

Articolo di Roberta Capotondi 
Content creator per Amusart 

Vuoi sapere cosa possiamo fare per te? Compila il form

Ci vuole 1 minuto e scopri se possiamo aiutarti nella tua carriera 

Risonanze Festival 2022: il sito web realizzato da Amusart

Il nuovo sito web del Risonanze Festival ideato e realizzato...

Read More6 Giugno 2022

PIANOLINK INTERNATIONAL AMATEURS COMPETITION 2022

Al via la terza edizione del Concorso Internazionale PianoLink dedicato...

Read More23 Maggio 2022

we love classical music

*I tuoi dati sono in buone mani e noi odiamo lo spam!
Il tuo nome, il tuo cognome e la tua mail ci servono per darti le risposte che desideri, gli aggiornamenti su tutte le nostre novità e inviarti i codici sconto della nostra Academy di management della musica classica.

*Puoi visualizzare la Privacy Policy a questo link