ENG
ENG

STEELWIND

logo amusart®
STEELWIND
CHI
Website

STEELWIND è il risultato di un percorso musicale che nasce nel 1983 come sperimentazione di quattro musicisti legati dalla medesima esigenza di poter esprimere la loro indole “non purista”.

È proprio per questo motivo che, con SteelWind, il saxofono diventa uno strumento senza tempo, con una sonorità e una timbrica che gli permettono di spaziare in ogni genere ed epoca musicale.

Steelwind è originalità, trasgressione e versatilità.

Iacopo Sammartano – sax soprano/sopranino

Davide Vannuccini – sax alto/soprano

Andrea Lucchesi – sax tenore

Roberto Frati – sax baritono (Band leader)

CONTACT
discografia
PROGRAMMI
social

Silvia Podetti
silvia@amusart.com

Quarantine
Con l'ultimo album degli Steelwind continua la ricerca sonora degli Steelwind tra prog-rock e musica minimale, un mix tra brani originali di Roberto Frati e reinterpretazioni di JacobTv e Mike Oldfield.

Music by Roberto Frati, Jacob Tv, Mike Oldfield

Visions of Rock & Prog
Musiche originali che ricalcano la storia del rock e del progressive.

Concert Movie
Il gruppo esegue musiche appositamente composte da Marco Vanni, Roberto Frati e Riviera Lazeri, mentre vengono proiettati film quali: “Le voyage dans la lune” (1902, di Georges Méliès), capolavoro che ha segnato la storia del cinema; “The Great Train Robbery” (1903, di Edwin S. Porter), uno dei primi western che utilizza tecniche di ripresa all’epoca molto innovative; “Tetractisuite”, un corto che accosta immagini ad emozioni, in un susseguirsi di concetti montati da Lorenzo Papanti. 

 

 

Segui Steelwind su:

FB | SY | YT

FB @SteelWindChamberSaxophoneQuartet
Spotify 
YouTube

QUESTO SPAZIO È PER TE!

Vuoi confrontarti con noi sulla tua immagine mediatica?
Desideri saperne di più sul marketing della musica classica?
Ti interessa diventare un nostro artista?
Vuoi dare una svolta importante alla tua attività professionale?

Mettiamoci in contatto e parliamone: la comunicazione è già musica.
È finito il tempo in cui la musica era scritta per un pugno di esteti.
Sergej Prokofiev
databasecrossmenuchevron-down